CONTACT US: Tel. / Fax: +39 02.55.10.597

Un regalo per il tuo sorriso. Prenditene cura, e poi se vuoi puoi renderlo anche più bello!


Hai pensato al regalo di San Valentino. Un regalo per il tuo  sorriso.

Prenditene cura, e poi se vuoi puoi renderlo anche più bello!

Un occhio di riguardo puntato a mamma e papà che tanto si prodigano per la salute dei loro bimbi e spesso si mettono da parte.Per giorno come molti in cui si celebra l’amore abbiamo voluto creare dei pacchetti per donare al vostro sorriso ancora più luce e brillantezza così che sarete sempre più in resistibili…come ma con il nostro trattamento sbiancante!

 

Che cos’è lo sbiancamento dentale?

Lo sbiancamento dentale è un procedimento che schiarisce i denti e aiuta a rimuovere macchie e scolorimento.
È uno degli interventi estetici dentali più popolari perché può migliorare notevolmente l’aspetto dei denti ad un costo e con fastidi molto minori rispetto ad altre tecniche.
Ogni giorno una patina sottile si forma sui denti e raccoglie le macchie. Inoltre, lo strato più esterno di ogni dente, chiamato smalto, contiene pori che assorbono le macchie.
Lo sbiancamento non è una soluzione de nitiva, ma va ripetuta periodicamente se si vuole mantenere un colore brillante.

 

Le cause dei denti ingialliti o macchiati: 

  • L’avanzare dell’età
  • Bevande come tabacco, il tè e il caffè
    È anche possibile avere macchie all’interno del dente, dette “macchie intrinseche”. Queste possono essere causate da:
  • Un’eccessiva esposizione al uoro in età evolutiva durante lo sviluppo dei denti
  • L’assunzione di tetracicline (antibiotici) durante la seconda metà della gravidanza o da parte di
    bambini al di sotto degli 8 anni, quando i denti sono ancora in fase di sviluppo
    Lo sbiancamento dei denti è più ef cace sulle macchie super ciali provocate da età, cibo o bevande.
    Preparazione al trattamento sbiancante per denti
    Occorre curare le carie prima dello sbiancamento dei denti perché la soluzione sbiancante potrebbe penetrare nella carie e raggiungere le zone più interne del dente, che provocano sensibilità.
    Le otturazioni in amalgama (grigie) se esposte al trattamento sbiancante si ossidano e quindi vanno rimosse o escluse dal trattamento.
    Inoltre lo sbiancamento non avrebbe alcun effetto sulle radici esposte in quanto non hanno lo strato di smalto. Lo sbiancamento non funziona neanche su corone o faccette.
    Trattamento sbiancante per denti presso lo studio dentistico
    Lo sbiancamento presso lo studio ha il vantaggio di permetterci di monitorare più da vicino l’operazione e i progressi raggiunti. Si parte prima con una pulizia dei denti e solo in un secondo momento con la procedura di sbiancamento più adatta, a seconda del tuo tipo di macchie.

Viene applicato un gel speciale sulle gengive per proteggerle dall’agente sbiancante, che verrà quindi applicato. La sostanza più comune usata per lo sbiancamento professionale è il perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Alcuni dentisti hanno cominciato ad usare il laser come un’alternativa ad alta velocità rispetto alle procedure di sbiancamento tradizionali.

 

Sbiancare i denti a casa 

Per lo sbiancamento a casa, dopo aver rilevato le impronte della bocca si creano delle mascherine perfettamente adatte a te, a seconda che tu sbianchi o meno sia l’arcata superiore che quella inferiore.

È importante che la maschera si adatti bene in modo che l’agente sbiancante rimanga a contatto con i denti e non irriti le gengive.
Un applicazione a giorni alterni di 30 minuti ogni volta prolungata per due mesi,ti garantisce un effetto splendente per più di un anno.

Questo trattamento non comporta alcun tipo di rinunce, alimentari. Al contrario del primo in cui si dovrà seguire una rigida dieta bianca per 24 ore.

È improbabile che lo sbiancamento in studio possa provocare gravi effetti indesiderati, sebbene alcune persone potrebbero rilevare una maggiore sensibilità dentale temporanea.

Si potrebbe anche riscontrare una leggera irritazione gengivale. I trattamenti di sbiancamento non andrebbero effettuati su donne in gravidanza poiché non si conosce l’effetto dei prodotti sbiancanti sullo sviluppo del feto. Dato che il trattamento è estetico ed opzionale, andrebbe rimandato a dopo il parto.

san valentino.001